Home » Yoga » Storia dello Yoga » Yoga Vedico

Yoga Vedico

marzo 4th, 2010 Posted in Storia dello Yoga

Gli insegnamenti yoga del Rig - Veda, e degli altri tre libri contenenti inni religiosi, sono conosciuti con il nome di yoga vedico. La parola sanscrita "veda" significa "conoscenza", mentre "rig" (dal "ric") significa "adorazione"/"glorificazione". Dunque, Rig - Veda è una collezione di inni scritti per l'adorazione della Divinità. Questa collezione costituisce, di fatto, la fonte dell'apparizione dell'Induismo, religione che oggi ha circa un miliardo di aderenti. Si può dire che per l'Induismo il Rig- Veda è ciò che la Genesi è per il Cristianesimo.

Le altre tre collezioni di inni vedici sono: Yayur Veda ("La scienza del sacrificio"), Sama - Veda ("La conoscenza delle incantazioni") e Atharva Veda ("La conoscenza di Atharvan"). La prima collezione comprende le formule sacrificali utilizzate dai sacerdoti vedici, la seconda le incantazioni sacrificali, la terza le incantazioni magiche per diverse occasioni, ed un numero di inni filosofici, che si riferiscono ad Atharvan (un famoso sacerdote del fuoco, maestro di rituali magici). Questi inni possono essere comparati ai libri del Vecchio Testamento.

È evidente, quindi, che lo yoga vedico - che può essere anche detto yoga arcaico - era intimamente legato alla vita rituale degli antichi indù. Ciò promuoveva l'idea del sacrificio interiore, come modalità per unire il mondo materiale con il mondo invisibile, dello spirito. Per realizzare con successo i rituali, gli adoratori dovevano poter focalizzare la propria mente per un periodo più lungo. Questa focalizzazione interiore, realizzata allo scopo di trascendere i limiti comuni della condizione umana costituisce, di fatto, l'origine del sistema yoga.

Per lo yogi vedico, il successo su questa via consiste nella sperimentazione diretta della realtà trascendente. I grandi Maestri del sistema yoga vedico erano chiamati "vedenti" - in sanscrito "rishi". Essi erano capaci di vedere l'essenza stessa dell'esistenza, quella luce divina che impregna l'intera manifestazione.

Print Friendly