Home » Yoga » Storia dello Yoga » Yoga pre-classico

Yoga pre-classico

marzo 4th, 2010 Posted in Storia dello Yoga

Questo periodo comprende circa 2000 anni, fino al II secolo a.C.. Lo yoga pre-classico presenta varie forme. Le prime manifestazioni erano ancora associate alla cultura sacrificale vedica, così come era presente nelle Brahmana e nelle Aranyaka. I Brahmana sono testi che spiegano gli inni vedici ed i rituali che li accompagnano. Gli Aranyaka sono testi rituali specifici per coloro che scelgono di vivere isolati nelle foreste, nelle grotte o nei luoghi abbandonati.

Lo yoga è diventato ciò che conosciamo insieme all'apparizione delle Upanishad, testi gnostici, che espongono l'insegnamento occulto riguardo all'unità ultima di tutte le cose. Esistono oltre 200 scritture del genere, anche se soltanto una piccola parte di queste è stata scritta nel periodo precedente all'esistenza di Buddha Gautama (V sec. a.C.)

Una tra le più notevoli scritture yoga è la Bhagavad - Gita ("Il canto del Signore"), della quale Mahatma Gandhi diceva:

"Quando sono travolto dalla delusione e non intravedo più alcun raggio di luce, ritorno alla Bhagavad - Gita. Qualche verso qua e là mi fa sorridere, per quanto grandi siano i guai che sto attraversando, e la mia vita è stata piena di guai; il fatto che questi non abbiano lasciato il segno su di me è dovuto sempre all'insegnamento della Bhagavad - Gita". ("La giovane India", 1925, p.1078-1079)

Questa scrittura composta soltanto da 700 versi rappresenta, per gli indù, ciò che per i cristiani rappresenta il Discorso della montagna fatto da Gesù. Il suo messaggio non è però quello di porgere anche l'altra guancia, ma di opporsi a qualsiasi costo al male che c'è nel mondo. La Bhagavad Gita è stata ricevuta, nella forma in cui essa esiste oggi, intorno all'anno 500 a.C. e, da allora ha costituito una fonte di inspirazione permanente per milioni di indù. L'essenza del suo insegnamento è la seguente: vivere significa agire fisicamente, psichicamente, mentalmente e spiritualmente. Per evolvere spiritualmente dobbiamo annientare la forza dell'ego (l'io inferiore) e, attraverso il legame con le energie benefiche, divine ritrovare l'essenza divina che è dentro di noi, la scintilla divina presente nel nostro cuore, il nostro Sé divino.

Lo yoga pre-classico comprende anche le numerose scuole, i cui insegnamenti hanno come fonte le due grandi epopee nazionali, il Ramayana ed il Mahabharata (nel quale si trova anche la Bhagavad Gita e che è sette volte più lungo dell'Iliade e dell'Odissea messe insieme). Queste scuole pre-classiche hanno scoperto e applicato diverse tecniche di meditazione profonda, attraverso le quali si può trascendere il corpo e la mente e riscoprire la vera natura del Tutto.

Print Friendly