Home » Yoga » Yoga e... » Yoga e Ipermercati

Yoga e Ipermercati

aprile 7th, 2010 Posted in Yoga e...
Novembre: prese d'assalto le spiagge. Cade finalmente la pioggia con lampi e tuoni. Presi d'assalto i super; iper-mercati; outlet... I ragazzini strillano. Saltano come canguri sui tavolini. In questa maniera si divertono. Si rimpinzano di proteine e scalciano, urlano. Sono tutti lì, nell'angolo ristoro di un famoso ipermercato. Chissà, una festa di compleanno, un onomastico... Poco più in là, nella zona relax, un gruppo, un'associazione pratica lo yoga, tra la gente un po' incredula, che va e viene con i carrelli. C'è l'istruttrice e gli allievi che eseguono ardite contorsioni, leggeri movimenti, coordinati, come al rallentatore. Seduto in una comoda poltrona di vimini, guardo rapito questa lezione. Prendo un volantino: “dal corpo alla mente, dal respiro allo yoga”. Si tratta di un'associazione umanitaria, di promozione sociale, www.amoyoga.it, il loro indirizzo web. Mi fanno tanta tenerezza nelle loro silenziose evoluzioni, contorsionismi con questa antichissima pratica indiana! Vorrei imitarli, ma sono tutto arrugginito! Lo yoga, stimola le difese immunitarie, equilibra tutte le strutture dell'essere, verso il benessere psico-fisico... E' un'oasi, questi cultori dello yoga, nella follia del consumo!

yoga-e-ipermercati_carrelliFuori per fortuna siamo lontani dagli schiamazzi: questi marmocchi, mangiano e bevono abbondantemente chissà, se fossero alla fame nera in uno sperduto villaggio africano, cosa farebbero?

Mi guardo intorno e il panorama è sconfortante. Un supermercato attaccato all'altro, uno sull'altro. E non hanno creato, questi egoisti, un angolo verde, dove il cliente può riposarsi, rinfrancarsi, una pausa dopo le immani...fatiche, con le buste stracolme.

Se si vede la zona dall'alto, essa fa paura. Immensi capannoni illuminati in maniera Kitch, uno accanto all'altro.

Con tutta la terra che c'era potevano dare un'altra immagine, un assetto più umano! Ma non c'è normativa, una coscienza...Non c'è?

di Tommaso Di Ciaula

La Gazzetta del Mezzogiorno

Lunedì 10 novembre 2008

Print Friendly