Home » Sistemi Yoga » Maha Vidya Yoga » I cinque stadi del Maha Vidya Yoga

I cinque stadi del Maha Vidya Yoga

aprile 12th, 2010 Posted in Maha Vidya Yoga
Attraverso queste informazioni ci rivolgiamo all’aspirante che ha ricevuto l’iniziazione, da parte di una persona competente, nelle Maha Vidya. I testi tradizionali yogici affermano che le Dieci Grandi Forze Cosmiche rappresentano i 10 aspetti essenziali di Dio nella manifestazione. Anche se questi aspetti sono fondamentalmente diversi, tra tutte le Dieci Grandi Forze Cosmiche ci sono comunque delle similitudini. Perciò, al fine di conoscere Dio, l’aspirante deve gradualmente fondersi con ciascuna delle Dieci Grandi Forze Cosmiche e ognuna di loro, può condurre alla Conoscenza Assoluta. Fondamentale è quindi praticare con costanza e tenacia la Sadhana (pratica spirituale) con la Forza Cosmica scelta. Durante il percorso l’aspirante incontrerà delle tappe o stadi.  Ecco quali sono:  1)      stadio dell’iniziazione: Stadi-del-mahavidya_meditazionequesto stadio compare non appena il principiante ha ricevuto il Mantra di una Grande Forza Cosmica, e comincia la propria pratica spirituale tramite i metodi ricevuti al fine di fondersi con la Forza Cosmica. Si percepisce subito uno stato di stupore e di effervescenza grazie all’energia specifica dell’inizio. Nel corso delle meditazioni, nella mente dell’aspirante si manifestano rivelazioni e vissuti particolari. Spesso compare la sensazione che la mente sia “sopraffatta” da ciò che sta avvenendo, e in quei momenti si rivelano nuovi modi di percepire la realtà, modi che fino ad allora erano in uno stato latente all’interno della persona. Sebbene si tratti di un primo stadio, lo sforzo qui messo in atto dall’aspirante è davvero molto piccolo rispetto a ciò che egli riceve in cambio. Dovrebbe perciò mantenere la propria lucidità e prepararsi alla prospettiva di uno sforzo di lunga durata. La quantità di lavoro necessaria negli altri stadi può essere ridotta, a condizione che la pratica in questo periodo sia seria il più possibile. Lo sforzo realizzato non è proporzionale ai risultati, che vanno ben al di là delle aspettative. Pertanto, in questa fase l’aspirante non dovrebbe restare solo “affascinato” dai risultati della pratica spirituale, ma dovrebbe piuttosto concentrarsi sulle trasformazioni che cominciano a manifestarsi.  2)      stadio del deserto - Pratica perseverante, assidua e continua: Stadi_del_Maha_Vidya_donna-universoquesto rappresenta già uno stadio avanzato, che presuppone l’accumulo di esperienze spirituali. Qui arrivano solo quelli che si sono impegnati effettivamente nella pratica del Maha Vidya Yoga per un intervallo sufficientemente lungo di tempo e non si sono scoraggiati dopo poche settimane o mesi dall’iniziazione. Questa è la tappa in cui la Grazia della Grande Forza Cosmica apparentemente abbandona l’aspirante. Ogni cosa sembra tornare alla “normalità”; ogni cosa che era stata trasformata torna così allo stato precedente. In questa fase l’anima dell’aspirante viene messa alla prova da condizioni quali sfiducia, delusione e scoraggiamento ed egli può così discernere i terribili aspetti della Grande Forza Cosmica e interrogarsi seriamente sulla propria determinazione a proseguire il cammino. La pratica spirituale sembra ristagnare. Talvolta nell’anima dell’aspirante può manifestarsi la sensazione di aver raggiunto il limite delle proprie forze. Allora, e solo allora, si manifesta un piccolo impulso della Forza Cosmica che sembra dire: “Sono qui, non ti ho mai abbandonato; sei tu che non puoi vedermi”. Questo è lo stadio che “filtra” gli aspiranti. A seconda dell’individuo, questo stadio può essere più o meno ovvio, ma certamente fa la sua comparsa. L’unico modo per superarlo è di proseguire e non cedere mai. A volte emerge l’idea esplicita e anche logica di smettere e ricominciare in un periodo più favorevole. Ma occorre fare attenzione! E’ questo il periodo più favorevole per continuare, è questo il segno che il successo non è lontano e smettere adesso significa solo gettare via molti degli sforzi compiuti finora.  3)      stadio della cristallizzazione dell’aspirazione - Evoluzione cosciente: Stadi_del_Maha_Vidya_pianetiquesto è lo stadio in cui compare la prima opportunità per scelte consapevoli. In questo stadio si va dal “Sto facendo questo tapas per adorare la Grande Forza Cosmica” al “Adoro la Grande Forza Cosmica facendo questo tapas”.  L’aspirante cambia a livello fisico, psichico e mentale; egli diviene sempre più consapevole della sua preferenza di fondersi, tramite l’amore, con la Grande Forza Cosmica, piuttosto che godere inconsciamente dei suoi doni. La motivazione razionale a lavorare viene gradualmente sostituita dall’aspirazione e dall’adorazione per la Grande Forza Cosmica. Sentimenti meravigliosi quali amore, umiltà e fede si manifestano frequentemente e in modo spontaneo nell’anima dell’aspirante per lunghi periodi. Il tutto nello scenario di una profonda gratitudine per Dio. In questa fase l’aspirante è consapevole che ha superato la fase del deserto, e non può più essere tratto in inganno dalla tentazione dell’apparente felicità con cui la pratica spirituale a volte procede. In questa fase inoltre, è molto importante non ridurre lo slancio, e non lasciarsi trasportare dai sorprendenti fenomeni che si cominciano a scoprire. Trattandosi di uno stadio di cristallizzazione, è importante dare una salda applicazione a tutto ciò che si è appreso, sebbene talvolta non sembri più necessario. Essere fermi e risoluti nelle decisioni del momento porterà in seguito gioia e risultati in grande misura.  4)      stadio della Grande Rivelazione - Compimento: stadi-del-maha-vidya_galassiain questo stadio lo sforzo viene compensato, cioè si raggiunge una profonda fusione con la Grande Forza Cosmica, ma l’obiettivo ancora non è realizzato. Ogni cosa appartiene alla sfera della Grande Forza Cosmica, si integra in un vasto TUTTO. Felicità paradisiaca e saggezza riempiono il cuore dell’aspirante e la luminosità della sua anima si riflette anche nel mondo esterno. C’è un dialogo molto più chiaro con la Grande Forza Cosmica che manifesta la sua Grazia Sublime e la diffonde sull’aspirante in innumerevoli modi permanentemente. In questa fusione l’aspirante chiede alla Forza Cosmica di rivelargli il Supremo Sé Interiore. E’ perciò necessaria un’attitudine ferma e focalizzata sullo scopo spirituale ultimo.  5)      stadio della realizzazione del Sé - Identificazione: Stadi_del_Maha_Vidya_occhioquesto è lo stadio del Coronamento dello sforzo spirituale, l’aspirante realizza l’Assoluto, il Supremo Sé (Atman). Occorre però mantenere la pratica, altrimenti si rischia di “cadere” al secondo stadio o anche peggio. Un silenzio denso di significato riempie l’anima dell’aspirante. Questi si trova in una fase di contemplazione, collocato in un qualche punto centrale, mentre nella ruota della vita ha luogo l’affascinante gioco dell’energia. Ogni cosa sembra tornare alla normalità, salvo l’anima dell’iniziato. L’aspirante si trova al centro dell’Universo , nella Terra Silenziosa, Sublime e Immobile. In questa tappa non si manifesta più l’Ego, tutto è un gioco che si sviluppa originandosi nel cuore dell’iniziato, e questo processo genera estasi. Compare un’eccezionale capacità di “conoscere senza conoscere”. Il rapporto con Dio diventa diretto e immediato. La persona è sempre animata da una sublime ispirazione, che si manifesta dolcemente in uno scenario di Certezza Spirituale. Si amplificano i poteri e le capacità dell’individuo, apparentemente senza una causa diretta. Amore e armonia sono presenti in tutte le sue azioni. Terminate queste 5 tappe si possono presagire collegamenti con le altre Grandi Forze Cosmiche che vanno adesso a integrarsi nel quadro dell’Universo.
Print Friendly